Domenico Vecchioni racconta Evita Perón

Domenico Vecchioni - Evita PeronDomenico Vecchioni, ex ambasciatore d’Italia a Cuba, ha pubblicato una nuova interessante biografia dal titolo “Evita Perón. Il cuore dell’argentina” (edizioniAnordest. 2011).

Vecchioni, che continua la sua tradizione di biografo attento e di divulgatore storico, aveva già pubblicato nel 1989 un primo libro su Evita Perón (Eurapress) che viene ora notevolmente arricchito e integrato con nuovo materiale nel volume appena uscito.

Ecco la descrizione del libro contenuta nel risvolto di copertina:

Il mito di Eva Perón resiste a tutte le mode e a tutte le tendenze politiche. Morta quasi sessant’anni fa, la sua immagine continua a risplendere più viva che mai nell’immaginario collettivo argentino ed internazionale. Un mito che rivivrà presto anche sugli schermi di Rai1, attraverso un’attesissima fiction dove Gabriella Pession darà volto alla Madonna dei descamisados. Un mito alla cui formazione hanno contribuito diversi fattori, come viene ben spiegato nel libro che Domenico Vecchioni, diplomatico italiano vissuto a lungo in Argentina, ha dedicato alla seconda moglie di Juan Domingo Perón. Innanzitutto la stupefacente rapidità dell’avventura umana e politica di Evita. In meno di quattro anni, dal 1943 al 1947, Evita passa dal recitare piccoli ruoli alla radio ad essere acclamata Capo spirituale della Nazione. Poi la morte prematura, a 33 anni, avvenuta nel momento del suo massimo splendore politico e maturazione fisica. Alla creazione del mito contribuiscono certamente anche il suo comportamento da Robin Hood (toglie ai ricchi per dare ai poveri, sia pure in maniera disordinata e autoritaria) e il ruolo giocato di prima, vera donna politica argentina. Una sovvertitrice dell’ordine stabilito, una “femminista” che paradossalmente si comporta da “macho” per ottenere risultati concreti (diritti politici alle donne) e duraturi nel tempo (legislazione civile che mette fine alla inferiorità giuridica delle donne argentine). Questi ed altri fattori vengono esaminati nel libro di Vecchioni che, con stile piano, gradevole ed accattivante, penetra nei meandri delle sinuosità e delle contraddizioni di una delle donne più significative del secolo scorso. Un personaggio che non ci si stanca di scoprire e riscoprire. Alle 20,25 del 26 luglio 1952 scompariva Evita Perón ma nasceva il suo mito. Moriva il suo corpo, ma la sua anima non cessava di vibrare per gli argentini. Il suo cuore diventava il cuore dell’Argentina. La storia d’amore tra Evita e i suoi descamisados continua.

Vecchioni Domenico. Evita Perón. Il cuore dell’Argentina, EdizioniAnordest, Villorba, 2011, pp. 220, Euro 15.

Domenico Vecchioni (Atri, 10 luglio 1945) è un diplomatico e saggista italiano. Ha prestato servizio a Buenos Aires (Ambasciata), a Bruxelles (NATO) ed a Strasburgo (Consiglio d’Europa). Tra gli incarichi ricoperti alla Farnesina: Capo Segreteria della Direzione Generale delle Relazioni Culturali, Capo Segreteria della D.G. del Personale, Ispettore degli Uffici all’estero. E’ stato quindi Console Generale d’Italia a Madrid e a Nizza. Dal 2005 al 2009 è stato l’Ambasciatore d’Italia a Cuba. Storico e saggista, ha collaborato a prestigiose riviste di politica internazionale (Rivista di Studi Politici Internazionali), di storia (Storia Illustrata, Cronos), di intelligence (Intelligence e Storia Top Secret). Interessato alle biografie di personaggi celebri, piu’ recentemente ha concentrato la sua attenzione di divulgatore sulla storia mondiale dello spionaggio.
Per maggiori informazioni si puo’ consultare il sito personale dell’autore: http://www.domenicovecchioni.it

Annunci