“Miraggi”, il nuovo libro di racconti dell’Amb. Elena Basile

Elena Basile, attualmente Ambasciatore d’Italia in Belgio, ha pubblicato un nuovo libro dal titolo “Miraggi” (Castelvecchi, 2018) nel quale ha raccolto una serie di racconti.

Qui di seguito la scheda dell’editore:
“Dal Portogallo all’Ungheria, dalla Svezia al Canada, le protagoniste di questi racconti sono donne sorprese in esperienze decisive che rivelano d’un tratto un destino, con epifanica precisione. Esistenze sospese tra sogno e realtà, raccontate con toni ora ironici o surrealistici, ora di impronta minimalista, sono accomunate da un’identica attesa di riscatto. La drammaticità si stempera in una prosa malinconico-visionaria e in una leggerezza dl tocco che ricorda alcuni film di Truffaut.”

Elena Basile, Miraggi, Castelvecchi, Roma, 2018, pp. 208, € 18,50.

Elena Basile è nata a Napoli, ed è attualmente Ambasciatore d’Italia a Bruxelles. E’ stata in precedenza Ambasciatore d’Italia a Stoccolma. Ha prestato servizio in Madagascar, Canada, Ungheria e Portogallo. Oltre a “Una vita altrove” (2014), finalista al Premio Roma, ha scritto alcune raccolte di racconti. Ha vinto due premi letterari.

Per altre informazioni su libri scritti da diplomatici consultare il sito http://baldi.diplomacy.edu/diplo

Annunci

“Racconto filosofico”: il nuovo saggio dell’Amb. Vincenzo Prati

Prati_RaccontoE’ uscito un nuovo volume di Vincenzo Prati, Ambasciatore a riposo, dal titolo “Racconto filosofico. Le immagini della luna ovvero cose da mutanti” (Guerra Edizioni, 2018).

Ecco la scheda dell’Editore:
“Sono tre i “ mutanti “ della storia. Già questa è una storia di “ mutanti “.
Vincenzo Prati immagina in questo suo Racconto Filosofico che homo sapiens stia per fare un salto evolutivo. Più specificamente spiega che tre uomini comincino a vedere Immagini della Luna, loro stessi e la loro famiglia già immersi in una sorta di allucinante normalità lunare.
Il primo dei tre mutanti è uno psichiatra romano di scuola junghiana. Il secondo è Sergiei Lavrov che gestisce il crimine internazionale da Chisinau. Il terzo personaggio è americano : un discendente di Jefferson ed agente CIA . Accade poi che i tre personaggi vengano a trovarsi a Napoli . Le vicende dei tre personaggi e di un folto gruppo di altre persone sono raccontate da due voci fuori campo che hanno gli strani nomi romani di Procopio e Lucrezio. Ha un suo ruolo non secondario nella storia anche un diplomatico indiano. Il racconto è filosofico in quanto vuole ragionare sui fattori che possono accelerare la mutazione di homo sapiens ma anche sugli “ intralci “ che possono sorgere: oscilla fra le allucinanti Immagini della Luna e la reale minaccia di Apocalisse: i rischi di un’umanità mutante non domani o fra un secolo ma già oggi.”

Vincenzo Prati. Racconto filosofico. Le immagini della luna ovvero cose da mutanti, Guerra Edizioni, Perugia, 2018, pp. 152, € 15.

Vincenzo Prati è nato a Chiari di Brescia nel 1948 ed accede alla carriera diplomatica nel 1975. Il conseguente nomadismo internazionale porta lui e la sua famiglia – la moglie Nariko e le figlie Anna e Giulia- da Pechino a Washington negli anni Ottanta, da Algeri a Bonn negli anni Novanta e nel nuovo secolo è Ambasciatore d’Italia in Kuwait e poi in Pakistan. Nel 2013 conclude la carriera diplomatica e prosegue una regolare attività saggistica sul tema della globalizzazione. Vive con la famiglia a Roma.

Per altre informazioni su libri scritti da diplomatici consultare il sito http://baldi.diplomacy.edu/diplo

MIND. Il nuovo romanzo di Enrico De Agostini

Enrico De Agostini, attualmente ambasciatore d’Italia in Zimbabwe, ha pubblicato il suo secondo romanzo dal titolo “MIND” (Robin Edizioni, 2018). la storia è ambientata in un futuro non troppo lontano ed affronta in modo originale alcune tematiche molto attuali legate allo sviluppo delle tecnologie e ai relativi condizionamenti della nostra vita quotidiana.

Ecco la scheda del libro dell’editore:
“MIND è un romanzo dal respiro globale, in continua oscillazione tra il bucolico e il futuristico, tra il desiderio di fuggire e la voglia di lottare. Da Roma a Monaco di Baviera, dalle colline sannite alla frenetica Johannesburg, la trama si sviluppa seguendo gli amori del suo protagonista, Francesco Vanguardi, un filosofo italiano di mezza età, che aspira a diventare pastore, ma è obbligato a combattere. Vi è costretto dalla comparsa di MIND, il successore dello smartphone, che legge le onde cerebrali dei suoi utilizzatori. I suoi padroni controlleranno presto il mondo intero se nessuno vi si opporrà.”

Enrico De Agostini, MIND, Robin Edizioni, Torino, 2018, pp. 328, € 14.00.

Per saperne di più sul libro è possibile anche consultare la pagina Facebook @MIND.ROMANZO.
ed è anche possibile guardare il Book trailer di 101 secondi, disponibile su YouTube

Enrico De Agostini. (Roma 1964) è diplomatico di carriera dal 1991. Ha prestato servizio nelle ambasciate di Abu Dhabi (Emirati Arabi Uniti), Accra (Ghana) e Maputo (Mozambico) come Vice Capo Missione. È stato Console a Dortmund (Germania) e Console Generale a Johannesburg (Sud Africa). Dal 2014 è Ambasciatore a Harare (Zimbabwe).
Nel 2006 ha pubblicato «Diplomatico, chi è costui?» per Franco Angeli. Il suo primo romanzo «Un Prosciutto e Dieci Ducati» (IoScrittore 2016) è stato tra i vincitori del torneo letterario IoScrittore 2015.

Per altre informazioni su libri scritti da diplomatici consultare il sito http://baldi.diplomacy.edu/diplo

“La Via del Sol Levante”: il nuovo romanzo di Mario Vattani

Anche nel secondo romanzo di Mario Vattani, ex Console Generale ad Osaka, il grande protagonista rimane il Giappone. “La Via del Sol Levante. Un viaggio giapponese” (Idrovolante edizioni, 2017) è il titolo del libro appena pubblicato, nel quale, attraverso il racconto autobiografico di un viaggio in motocicletta, vengono ricostruiti i rapporti fra Italia e Giappone.

Qui di seguito la scheda dell’editore:

“Un diplomatico italiano appassionato dell’Oriente riesce a realizzare il suo sogno di trasferirsi nel paese del Sol Levante, e intraprende un lungo viaggio in motocicletta. Tra una tappa e l’altra di questo percorso solitario nei luoghi meno conosciuti delle isole giapponesi,la narrazione del viaggiatore si intreccia con la storia dei rapporti tra Italia e Giappone, due nazioni giovani che si affacciano avventurosamente sul Novecento, antagoniste alla visione decadente di un mondo allora dominato dai grandi imperi coloniali, fino alla tragica conclusione del secondo conflitto mondiale. Così incontriamo samurai e signori della guerra, buddha di bronzo, principesse imperiali, missionari e mercanti di perle, un legionario giapponese a Fiume, e poi artisti, aviatori, fino alla guerra eroica quanto sconosciuta di un pugno di marinai italiani in Giappone. Il viaggio sulla Via del Sol Levante è una lotta senza quartiere contro l’ipocrisia del dimenticare, avversario invisibile e spregiudicato, ma anche contro se stessi. È un cammino che porterà infine a scoprire il significato nascosto di uno splendido giardino zen, e della sua metafora di sacrificio e liberazione, finalmente svelata.”

Mario Vattani, La Via del Sol Levante. Un viaggio giapponese, Idrovolante edizioni, Roma, 2017, pp. 226, €15,00

Mario Vattani è nato in Francia nel 1966 e ha completato i suoi studi in Inghilterra. Entrato in carriera diplomatica a ventitré anni, ha lavorato negli Stati Uniti, in Egitto, e soprattutto in Giappone. Ha vissuto molti anni a Tokyo, in veste di diplomatico e ricercatore universitario, e in seguito a Kyoto e Osaka, dove è stato console generale. Appassionato della cultura del Sol Levante nelle sue più diverse forme, parla correntemente il giapponese. I suoi articoli su Giappone e Asia sono apparsi su Il Foglio, Libero e altri quotidiani nazionali. Nel 2016 il suo romanzo “Doromizu. Acqua torbida” pubblicato da Mondadori ha ottenuto ampio successo di critica e di pubblico, ed è stato finalista al Premio Acqui Storia dello stesso anno.

“La quarantena”: il nuovo romanzo dell’Amb. Lorenzo Angeloni

Lorenzo Angeloni  attualmente Ambasciatore d’Italia a New Delhi, ha appena pubblicato un nuovo romanzo dal titolo “La quarantena” (Guerra Edizioni, 2016). Si tratta del primo libro di una nuova interessante “Collana Ambasciatori” dell’Editore Guerra (di cui fornirò ulteriori dettagli in un successivo messaggio). Nel romanzo di Angeloni, che è ambientato in Vietnam ai tempi dell’epidemia di SARS, viene affrontato il tema dell’aridità di una vita colma di successi materiali, ma priva della capacità di vivere emozioni e sentimenti.

Ecco la trama del romanzo, come descritta dall’editore:

“Un uomo torna in Vietnam per provare a dare una collocazione e un senso agli avvenimenti rocamboleschi vissuti 10 anni prima, i cui ricordi, col passare del tempo, si sono affastellati nella sua memoria, creando un fardello ingombrante e inestricabile.
L’incontro con una donna sconosciuta e muta, che si offre di ascoltarlo, gli consentirà di ripercorrere le tappe che lo avevano condotto in Vietnam la prima volta; rivivere gli avvenimenti culminati nelle giornate in cui, mentre Hanoi era colpita dalla epidemia della SARS lui si trovava nel cuore del contagio all’interno dell’ospedale francese, e infine dipanare il groviglio di ricordi ed emozioni rimasto  per tanto tempo congelato e irrisolto.
Il racconto della sua vita, e le conclusioni – fallimentari – a cui il personaggio principale giungerà dopo averla ripercorsa, daranno  il via ad un inaspettato processo di “guarigione” nella donna che lo ha ascoltato, che nell’ultima parte del romanzo racconterà la sua storia, chiudendo il cerchio della narrazione.”

Angeloni Lorenzo. La quarantena, Guerra Edizioni, Perugia, 2016, pp. 312, € 22.

Lorenzo Angeloni (Perugia, 3 maggio 1958) si è laureato in Giurisprudenza nel 1981 all’Università di Perugia ed è entrato in carriera diplomatica nel 1985. Ha prestato servizio a Montevideo, Francoforte ed Algeri. E’ stato Ambasciatore a Khartoum dal 2003 al 2007, durante lo scoppio della crisi del Darfour. Dal 2010 al 2015 è stato Ambasciatore d’Italia ad Hanoi (Vietnam). Dal 2015 è Ambasciatore d’Italia a New Delhi.
Ha pubblicato saggi e reportage di politica internazionale, oltre a quattro romanzi. 

 

“Il segreto del coltivatore di rose” il primo romanzo di Antonino La Piana

Copertina_La_PianaE’ stato pubblicato il primo romanzo di Antonino La Piana, prossimo Console Generale a Ginevra, che s’intitola “Il segreto del coltivatore di rose. Avventure intorno al problema del male” (Falco editore, 2016)
Scheda dell’editore
“Il problema dell’esistenza del male e delle ingiustizie nel mondo, malgrado la supposta esistenza di un Dio buono, onnipotente e giusto, costituisce il tema portante di questo romanzo. Nei vari capitoli l’Autore narra vicende realmente accadute durante la sua vita, trascorsa prevalentemente all’estero per motivi lavorativi, in particolare nel continente africano. La descrizione dei diversi episodi offre lo spunto per analizzare le diverse risposte che filosofi e teologi hanno fornito per risolvere il problema della teodicea.”
Antonino La Piana, Il segreto del coltivatore di rose, Falco editore, Cosenza, 2016, pp. 224, € 14.00
Antonino La Piana, nato a Messina nel 1971, ha vissuto all’estero sin da piccolo e successivamente ha lavorato in diversi Paesi. La sua esperienza di oltre dieci anni in Africa, unita alla sua passione per la Filosofia, lo hanno portato a interrogarsi su alcuni temi concernenti l’Uomo, la sua esistenza e il mistero che lo avvolge. La professione di Funzionario Diplomatico gli ha inoltre permesso di entrare in contatto con differenti realtà culturali e umane che hanno ulteriormente stimolato la sua curiosità sui grandi perché della vita.

Il primo romanzo fantasy di Stefano Marguccio

Marguccio-caccia-mortaleStefano Marguccio, attualmente Consigliere Diplomatico del Ministro dell’Ambiente, ha appena pubblicato un romanzo fantasy in format e-book dal titolo “Caccia mortale. Cronache dei due mondi” (Ed. Delos Books, 2016). E’ la prima volta che un diplomatico italiano scrive un romanzo in un genere molto popolare fra i giovani come il “fantasy”

Ecco una breve descrizione del libro a cura dell’editore:
“Il primo romanzo delle Cronache dei Due Mondi, un nuovo, possente ciclo fantasy che vi porterà in un universo in cui per vivere e per ottenere piena dignità, gli uomini devono combattere. Anche contro creature che non provengono dal loro mondo…
Il cielo di Arkandia è avaro di nuvole quanto la sua terra lo è di giustizia. Delion di Rubra, primicerio del monastero di Urd il Profeta, è un senza cognome. Nel sistema corrotto della Confederazione uno come lui conta zero. Per questo ha deciso di unirsi a una società segreta che promette di rovesciare l’ordine costituito per sostituirlo con uno più equo, guidato da un uomo solo, come ai tempi dei re. Il suo sogno di cambiamento, però, vive il tempo di una notte. Un terremoto distruttore rade al suolo la città in cui vive, rimescolando le carte della sua partita con il destino. Un demone lo scruta dalle dalle tenebre di una stanza gelida. Una fanciulla dai capelli immacolati trascrive tutto quello che dice e fa. La caccia è appena iniziata e i mondi che sono stati separati, presto saranno uniti di nuovo.”

Stefano Marguccio, Caccia mortale. Cronache dei due mondi, Ed. Delos Books, 2016, pp. 287, € 3,99.

E’ possibile consultare un’anteprima del libro su Google Books . E’ stato realizzato anche un sito sul libro consultabile all’indirizzo www.cronachedeiduemondi.it

Stefano Marguccio è nato a Milano nel 1975. Laureato in Giurisprudenza è entrato in diplomazia nel 2004. E’ stato Console a Scutari, poi ha prestato servizio alla Rappresentanza presso la FAO a Roma e alla Rappresentanza Permanente presso il Consiglio d’Europa a Strasburgo. Dal maggio 2014 è il Consigliere Diplomatico del Ministro dell’Ambiente della Tutela del Territorio e del Mare.