La Diplomazia per la Cultura nell’ultimo volumetto curato da Stefano Baldi

E’ stato pubblicato un volumetto, curato da Stefano Baldi, dal titolo “Cultura in Residenza. L’esperienza dell’Ambasciata d’Italia a Sofia“. La pubblicazione ruota intorno alla storica Residenza d’Italia a Sofia e agli eventi culturali svolti al suo interno, in una cornice perfetta per promuovere le nostre tradizioni e la nostra cultura. Gli eventi descritti accompagnano il lettore attraverso il variegato mondo della nostra musica, letteratura, gastronomia, storia e moda.

Ecco la scheda descrittiva del libro:
“Il diplomatico ha a sua disposizione numerosi strumenti per poter svolgere la propria attività e per raggiungere gli obiettivi che si prefigge. Alcuni di questi strumenti sono più noti, come la capacità negoziale, gli incontri ufficiali, le riunioni istituzionali e molti altri. Nel caso dell’Ambasciatore, chiamato a svolgere la propria attività di anello di collegamento fra due Paesi e fra due Culture, rientrano tra gli strumenti anche alcuni aspetti meno evidenti come l’utilizzo degli edifici dell’Ambasciata o della Residenza e le manifestazioni culturali. Sono proprio questi due elementi che costituiscono l’oggetto di questa pubblicazione volta soprattutto a documentare come la presenza di un prestigioso edificio storico sede dell’Ambasciata insieme ad una offerta di eventi attentamente programmati, possano essere un efficace fattore di promozione dell’immagine dell’Italia.”

Stefano Baldi (a cura di), Cultura in Residenza. L’esperienza dell’Ambasciata d’Italia a Sofia, Sofia, 2018, pp. 72.

La versione digitale del libro (PDF) può essere scaricata qui.

Stefano Baldi, diplomatico di carriera. Attualmente Ambasciatore d’Italia a Sofia. È stato Direttore dell’Istituto Diplomatico del Ministero degli Affari esteri e della cooperazione internazionale. Ha prestato servizio presso la Rappresentanza Permanente d’Italia presso l’Unione europea a Bruxelles, la Rappresentanza d’Italia presso le Nazioni Unite a New York e la Missione Permanente d’Italia presso le Organizzazioni Internazionali a Ginevra. Collabora con numerose Università italiane su tematiche legate alle relazioni internazionali. È autore e curatore di libri sulla diplomazia.

Per altre informazioni su libri scritti da diplomatici è possibile econsultare il sito http://baldi.diplomacy.edu/diplo

 

Annunci

“Diplomatici”: un libro per conoscere meglio questa professione

Il libro “Diplomatici. 33 saggi su aspetti giuridici e politici della diplomazia contemporanea” (Editoriale scientifica, 2018) è stato curato da Stefano Baldi e da Giuseppe Nesi. In realtà si tratta di un libro “corale”, visto che raccoglie i contributi di tanti diplomatici che hanno partecipato ad un progetto triennale di collaborazione tra il Ministero degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale (Istituto Diplomatico) e l’Università di Trento (Facoltà di Giurisprudenza).

Ecco una breve scheda descrittiva del libro:
“I trentatré brevi saggi raccolti in questo volume sono un tentativo unico nel suo genere di descrivere le varie attività ed i compiti svolti dai diplomatici di oggi. Si tratta di un quadro ampio, seppure non esaustivo, che evidenzia un’ampia gamma di responsabilità e di conoscenze che fanno capo a questa professione e che vengono qui illustrate attraverso i contributi degli stessi attori.Una corretta informazione sul ruolo e le competenze dei diplomatici del XXI secolo resta ancora insufficiente e questo continua ad alimentare una percezione della professione del diplomatico molto legata a canoni e modelli di un remoto passato e ad un immaginario collettivo lontano dalla realtà. Il volume è il risultato finale dell’iniziativa dei due curatori che, per tre anni, a partire dall’anno accademico 2013-2014 hanno organizzato un ciclo di seminari in video-conferenza fra i diplomatici che frequentavano l’Istituto Diplomatico del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale e gli studenti della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Trento. È un volume per chi desidera approfondire il ruolo attuale dei diplomatici nelle relazioni internazionali ed è un valido strumento di studio per i tanti corsi universitari che, in vari modi, si occupano di tali tematiche”.

I contributi raccolti nel libro sono di (nell’ordine in cui compaiono nel volume): Giuseppe Nesi , Stefano Baldi, Mariomassimo Santoro, Mirta Gentile, Thomas Botzios, Pietro Vacanti Perco, Pierangelo Cammarota, Roberto Nocella, Patrick Mura, Veronica Ferrucci, Walter Di Martino, Alessandra Pastorelli, Matteo Romitelli, Pierluigi D’Elia, Luis Cavalieri, Alberto Dal Degan, Tiberio Schmidlin, Renato Di Porcia, Hanna Pappalardo ,Gianluca Brusco, Donato Scioscioli, Emanuele di Lorenzo Badia, Benedetto Giuntini, Mauro Campanella, Alessandro De Masi, Cristiano Musillo, Caterina Gioiella, Giuseppe Giaccone, Luca Fraticelli, Emanuela Curnis, Andrea Esteban Samà, Carlo Jacobucci, Jessica Laganà, Piero Vaira.

BALDI, Stefano – NESI, Giuseppe (a cura di). Diplomatici. 33 saggi su aspetti giuridici e politici della diplomazia contemporanea, Editoriale Scientifica, Napoli, 2018, pp. 388, € 21,00.Il libro in versione cartacea può essere ordinato direttamente alla casa editrice. http://www.editorialescientifica.com/autori/baldi-s/diplomatici-detail.html

La versione digitale del libro (PDF), che vi allego, può essere invece liberamente scaricata tramite il sito dell’Università di Trento a questo link: Download the book

I curatori:
Stefano Baldi, diplomatico di carriera. Attualmente Ambasciatore d’Italia a Sofia. È stato Responsabile della formazione del Ministero degli Affari esteri e della cooperazione internazionale. Ha prestato servizio presso la Rappresentanza Permanente d’Italia presso l’Unione europea a Bruxelles, la Rappresentanza d’Italia presso le Nazioni Unite a New York e la Missione Permanente d’Italia presso le Organizzazioni Internazionali a Ginevra. Collabora con numerose Università italiane su tematiche legate alle relazioni internazionali. È autore e curatore di libri sulla diplomazia.
Giuseppe Nesi, Professore di diritto internazionale e di diritto delle istituzioni internazionali nella Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Trento, e dal 2012 Preside della Facoltà. Già consigliere giuridico del Presidente dell’Assemblea Generale (2010-11) e della Rappresentanza Permanente d’Italia presso le Nazioni Unite (2002-2010), a New York. Consigliere giuridico del Ministero degli Esteri fin dal 1992, docente in diverse Università italiane e straniere e autore di numerose pubblicazioni in diversi campi del diritto internazionale.

Per altre informazioni su libri scritti da diplomatici consultare il sito http://baldi.diplomacy.edu/diplo

Stefano Baldi racconta Felice Benuzzi: il diplomatico che amava le montagne

Il Bansko Mountain Film Festival 2017 ha offerto l’occasione all’Ambasciatore Stefano Baldi di raccontare la storia di Felice Benuzzi. Benuzzi, che nel 1943 era prigioniero di guerra, evase dal campo di prigionia per scalare, insieme ad altri due compagni, il Monte Kenya. Un’impresa eroica giustificata dal suo amore per la montagna e per la libertà. Benuzzi in seguito diventò un diplomatico e conservò la sua passione per la montagna per tutta la vita. Scrisse il libro “Fuga sul Kenya. 17 giorni di libertà” che, nella sua versione inglese “No picnic on the Mount Kenya” è ormai divenuto uno dei classici della letteratura di montagna.

Felice Benuzzi. Il diplomatico che amava le montagne

 

“The European Union is 60 years old. Is it too young or too old?”: a new book edited by Stefano Baldi

A short essay on the European Union edited by Stefano Baldi has been recently published. It is titled “The European Union is 60 years old. Is it too young or too old?” (Embassy of Italy – Sofia, 2017).
The book, which is available in digital and in paper format, has been realized on the basis of a Round Table organized by the Embassy of Italy in Sofia to celebrate the 60th anniversary of the signature of the Treaties of Rome.

Here is a short description of the book:
“On the occasion of the 60th anniversary of the signing of the Treaties of Rome (March 24, 1957) the Italian Embassy in Sofia in collaboration with the Italian Cultural Institute of Sofia organised a Round Table. “The Treaties of Rome: the EU is 60 years old, is it too young or too old?” was the provocative title chosen for the Round Table that took place on March 10, 2017 at the University of Sofia St. Kliment Ohridski. The four panelists, invited for the event, Raimondo Cagiano de Azevedo, Solomon Passy, Ingrid Shikova, and Ognian Zlatev, offered different approaches regarding the evolution of the European integration process, which led to a lively and constructive debate with the audience. Their interesting interventions have been collected in this publication”

Stefano Baldi (editor), The European Union is 60 years old. Is it too young or too old?, Ambasciata d’Italia, Sofia, 2017, pp. 80.

The digital version of the book can be freely downloaded at: http://baldi.diplomacy.edu/diplo/books/baldi_EU60.htm

Stefano Baldi is a career diplomat. He is currently Ambassador of Italy in Sofia (Bulgaria). He has been Training Director of the Italian Ministry of Foreign Affairs from 2011 until 2016. Previously he has been posted to Bruxelles (EU), New York (UN), Geneva (UN) and Dar es Salaam. He has published several books on diplomats and on International Relations. More information at: www.stefanobaldi.org

Pubblicato il II Volume di “Diplomatici in azione” curato da S. Baldi e G. Nesi

Baldi_Nesi_Diplomatici_vol2E’ stato da poco pubblicato, in versione digitale, il secondo volume del libro “Diplomatici in azione. Aspetti giuridici e politici della prassi diplomatica nel mondo contemporaneo” (Università degli Studi di Trento, 2016) curato da Stefano Baldi e da Giuseppe Nesi, Preside della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Trento. Anche questo volume mantiene le caratteristiche del precedente e contiene una raccolta di scritti originali di alcuni diplomatici in carriera che illustrano l’attività da loro svolta. Si tratta di un ulteriore contributo per far conoscere meglio il ruolo e l’attività svolta dai diplomatici al di là dei luoghi comuni che troppo spesso danno una visione non corretta di questa professione.

Scheda dell’editore
È possibile descrivere in maniera sintetica ed efficace le molteplici attività operative svolte dalla diplomazia italiana alla Farnesina e nella rete delle Ambasciate, Rappresentanze diplomatiche e Consolati? È questo l’ambizioso disegno che sta dietro la pubblicazione di una nuova raccolta di interventi di diplomatici italiani che – nell’ambito del corso di aggiornamento organizzato dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale – hanno tenuto in videoconferenza sotto forma di lezione agli studenti della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Trento. Il risultato è uno snello e ovviamente non esaustivo patchwork dei molteplici aspetti di quello che giorno per giorno i diplomatici fanno nei settori più disparati nel campo delle relazioni internazionali passando dalla diplomazia economica alla diplomazia culturale, dall’organizzazione di incontri internazionali alla gestione delle visite ufficiali. La varietà dei temi affrontati è di interesse non solo per gli studenti di materie giuridiche che aspirano a intraprendere la carriera diplomatica o altre carriere internazionali, ma anche per coloro che desiderano comprendere meglio come opera quella parte dello Stato che ha tra i propri compiti istituzionali la difesa all’estero degli interessi nazionali e la promozione del nostro Paese.

Stefano Baldi e Giuseppe Nesi (a cura di), Diplomatici in azione. Aspetti giuridici e politici della prassi diplomatica nel mondo contemporaneo. Vol. II, Università degli Studi di Trento, Trento, 2016, pp. 116.

L’ebook in formato pdf che può essere scaricato gratuitamente alla pagina: http://baldi.diplomacy.edu/diplo/books/baldi_nesi_diplomatici_2.htm

Il primo volume è disponibile alla pagina dell’Università di Trento: http://eprints.biblio.unitn.it/4417/

I curatori:
Stefano Baldi, diplomatico di carriera. Responsabile della formazione del Ministero degli Affari esteri e della cooperazione internazionale. Ha prestato servizio presso la Rappresentanza Permanente d’Italia presso l’Unione europea a Bruxelles, la Rappresentanza d’Italia presso le Nazioni Unite a New York e la Missione Permanente d’Italia presso le Organizzazioni Internazionali a Ginevra. Collabora con numerose università italiane su tematiche legate alle relazioni internazionali. È autore e curatore di libri sulla diplomazia.

Giuseppe Nesi, Professore di diritto internazionale e di diritto delle istituzioni internazionali nella Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Trento, e dal 2012 Preside della Facoltà. Già consigliere giuridico del Presidente dell’Assemblea Generale (2010-11) e della Rappresentanza Permanente d’Italia presso le Nazioni Unite (2002-2010), a New York. Consigliere giuridico del Ministero degli Esteri fin dal 1992, docente in diverse Università italiane e straniere e autore di numerose pubblicazioni in diversi campi del diritto internazionale.

Un ricordo di Roberto Gaja

Roberto_Gaja_copertina_smStefano Baldi ha curato un volumetto dal titolo “Un ricordo di Roberto Gaja” (UNAP Press, 2016).

Si tratta del terzo volume monografico dedicato a ricordi su importanti diplomatici italiani del passato. I primi due volumetti già pubblicati erano dedicati ad Egidio Ortona e Pietro Quaroni.

Sulla falsariga dei precedenti, anche questo libro nasce dall’idea di raccogliere i ricordi e le considerazioni di alcuni di coloro che hanno personalmente conosciuto l’Ambasciatore Roberto Gaja. I contributi sono di Amedeo de Franchis, Sergio Romano, Leopoldo Nuti, Giusandrea Mochi Onory, Alessandro Quaroni, Pasquale Baldocci, Matteo Corradini e Giorgio Gaja. La pubblicazione, che trae spunto da un seminario per i giovani diplomatici  organizzato nel 2015, è arricchita anche da una originale serie di fotografie su Roberto Gaja e da una lista ragionata dei libri da lui scritti.

L’intento rimane quello di contribuire ad una maggiore conoscenza della nostra tradizione diplomatica attraverso la condivisione di testimonianze.

A Roberto Gaja è stato anche recentemente intitolato uno dei corsi di formazione per i Segretari di Legazione in prova del Ministero degli Affari esteri e della cooperazione internazionale.

Baldi, Stefano (a cura di). Un ricordo di Roberto Gaja, UNAP Press, Roma, 2016. pp. 94.

La versione digitale del volume può essere scaricata gratuitamente collegandosi alla pagina:
http://baldi.diplomacy.edu/diplo/books/baldi_ricordo_Gaja.htm

Le versioni digitali dei precedenti due precedenti volumi sono scaricabili alle pagine:

Pietro Quaroni – http://baldi.diplomacy.edu/diplo/books/baldi_ricordo_quaroni.htm

Egidio Ortona – http://baldi.diplomacy.edu/diplo/books/baldi_ricordo_ortona.htm

Per ulteriori informazioni sul curatore: http://baldi.diplomacy.edu/stefano/baldi_bio_ita.htm

 

Manuale di management per diplomatici (ebook)

Baldi_management_coverStefano Baldi e Ed Gelbstein sono gli autori del “Manuale di Management per diplomatici. Come attrezzarsi” (Roma, 2016), realizzato avendo a mente da una parte i numerosi strumenti che sono a disposizione dei manager e dall’altra le attività svolte dai diplomatici.
Il risultato è una selezione di tecniche e strumenti manageriali che possono essere utili in alcune delle attività quotidiane svolte dai diplomatici. In particolare sono illustrate tecniche efficaci nel campo della comunicazione, della soluzione dei problemi e della leadership.
È un libro che può essere consultato senza necessariamente seguire l’ordine dei capitoli, ma sulla base delle specifiche esigenze che si presentano.
Il Manuale contiene numerosi esempi e suggerimenti per migliorare le proprie capacità manageriali.

Stefano Baldi – Eduardo Gelbstein, Manuale di Management per diplomatici. Come attrezzarsi, Roma, 2016, pp. 143

Il libro, in formato ebook (PDF), può essere scaricato qui

——————–

Gli autori:
Stefano Baldi (1961), diplomatico di carriera, responsabile della formazione del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.
Eduardo Gelbstein (1940-2015), Ph.D, Top Manager in società internazionali, è stato anche Direttore del International Computing Centre delle Nazioni Unite.