“La Via del Sol Levante”: il nuovo romanzo di Mario Vattani

Anche nel secondo romanzo di Mario Vattani, ex Console Generale ad Osaka, il grande protagonista rimane il Giappone. “La Via del Sol Levante. Un viaggio giapponese” (Idrovolante edizioni, 2017) è il titolo del libro appena pubblicato, nel quale, attraverso il racconto autobiografico di un viaggio in motocicletta, vengono ricostruiti i rapporti fra Italia e Giappone.

Qui di seguito la scheda dell’editore:

“Un diplomatico italiano appassionato dell’Oriente riesce a realizzare il suo sogno di trasferirsi nel paese del Sol Levante, e intraprende un lungo viaggio in motocicletta. Tra una tappa e l’altra di questo percorso solitario nei luoghi meno conosciuti delle isole giapponesi,la narrazione del viaggiatore si intreccia con la storia dei rapporti tra Italia e Giappone, due nazioni giovani che si affacciano avventurosamente sul Novecento, antagoniste alla visione decadente di un mondo allora dominato dai grandi imperi coloniali, fino alla tragica conclusione del secondo conflitto mondiale. Così incontriamo samurai e signori della guerra, buddha di bronzo, principesse imperiali, missionari e mercanti di perle, un legionario giapponese a Fiume, e poi artisti, aviatori, fino alla guerra eroica quanto sconosciuta di un pugno di marinai italiani in Giappone. Il viaggio sulla Via del Sol Levante è una lotta senza quartiere contro l’ipocrisia del dimenticare, avversario invisibile e spregiudicato, ma anche contro se stessi. È un cammino che porterà infine a scoprire il significato nascosto di uno splendido giardino zen, e della sua metafora di sacrificio e liberazione, finalmente svelata.”

Mario Vattani, La Via del Sol Levante. Un viaggio giapponese, Idrovolante edizioni, Roma, 2017, pp. 226, €15,00

Mario Vattani è nato in Francia nel 1966 e ha completato i suoi studi in Inghilterra. Entrato in carriera diplomatica a ventitré anni, ha lavorato negli Stati Uniti, in Egitto, e soprattutto in Giappone. Ha vissuto molti anni a Tokyo, in veste di diplomatico e ricercatore universitario, e in seguito a Kyoto e Osaka, dove è stato console generale. Appassionato della cultura del Sol Levante nelle sue più diverse forme, parla correntemente il giapponese. I suoi articoli su Giappone e Asia sono apparsi su Il Foglio, Libero e altri quotidiani nazionali. Nel 2016 il suo romanzo “Doromizu. Acqua torbida” pubblicato da Mondadori ha ottenuto ampio successo di critica e di pubblico, ed è stato finalista al Premio Acqui Storia dello stesso anno.

Noir giapponese nel primo romanzo di Mario Vattani: “Doromizu. Acqua torbida”.

Vattani_Doromizu_smMario Vattani, già Console Generale a Osaka, ha pubblicato il suo primo romanzo dal titolo “Doromizu. Acqua torbida” (Mondadori, 2016). Con Tokyo sullo sfondo, nel libro si ritrovano alcuni temi cari alla letteratura nipponica fra cui quello drammatico della donna nel mondo dell’intrattenimento quello del piacere del cibo.

Questa la scheda dell’editore:
“Ci troviamo in una Tokyo d’inizio millennio, tenebrosa e tentacolare. Il protagonista Alessandro Merisi (Alex) è uno squattrinato venticinquenne italiano, da due anni nella capitale giapponese con un visto di studio. Orfano di madre sin da bambino, è cresciuto a Londra, e la sua mancanza di un’identità precisa si esprime nella passione ossessiva per una cultura totalmente diversa, quella giapponese. Aspirante cineasta, Alex vive il rapporto col Giappone in modo maniacale attraverso il cinema, le donne, e il lungo e doloroso tatuaggio tradizionale irezumi. Una serie di coincidenze lo precipitano in una spirale negativa, una discesa negli inferi verso i luoghi più oscuri e viziosi della capitale nipponica, facendogli perdere amicizie, amori, speranze, e mettendo a rischio la cosa che gli è più cara al mondo.”

Vattani Mario. Doromizu. Acqua torbida, Mondadori, Milano, 2016, pp. 372. € 20.

E’ possibile vedere un originale video “book trailer” realizzato dalla casa editrice: https://www.youtube.com/watch?v=CsrFH-BUukI

Mario Vattani è nato a Parigi nel 1966 e ha portato a termine i suoi studi in Inghilterra. Entrato in carriera diplomatica a ventitré anni, ha lavorato negli Stati Uniti, in Egitto, e soprattutto in Giappone. Ha vissuto molti anni a Tokyo, in veste di diplomatico e ricercatore universitario, e in seguito a Kyoto e Osaka, dove è stato console generale. Appassionato della cultura del Sol Levante nelle sue più diverse forme, parla correntemente il giapponese. Per anni ha praticato il tiro con l’arco e il Kendo – la scherma nipponica – di cui è secondo dan.